Lilli Gruber a Otto e mezzo: frecciata al leader della lega in diretta Tv

0
566
Lilli Gruber su La7 presenta Otto e mezzo
Lilli Gruber a Otto e Mezzo

Lilli Gruber a Otto e Mezzo

Nel programma di approfondimento quotidiano di La7 Otto e Mezzo, condotto da Lilli Gruber, viene affrontata la questione riguardante l’inizio della fase 2 e le eventuali conseguenze. Ogni sera, più precisamente dall’inizio dell’emergenza sanitaria, vengono ospitati tramite collegamento esperti in ambito medico e politici di ogni fazione.

Ieri il tema centrale è stata la ripartenza delle regioni e l’impatto che il Coronavirus e la quarantena obbligata hanno avuto sul comparto turismo. A provare a dare una spiegazione valida è stato chiamato in causa il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

L’intervento di Bonaccini e la battuta della Gruber su Salvini

Stefano Bonaccini, incalzato dalle domande della giornalista Lilli Gruber, snocciola la questione ripartenza affermando che la regione Emilia Romagna è pronta a tornare a correre ma ha comunque bisogno di una spinta. Gli interventi promessi dal governo tardano ad arrivare e molte piccole realtà sono in ginocchio. Il problema di base non è più aprire visto che oramai quasi tutti possono tirare su la serranda.

La tragedia sta nel mettersi in regola con le nuove normative in materia di igiene e di norme anti contagio. A volte le spese per regolarizzare la propria attività superano di gran lunga i ricavi della stessa. Per questo motivo si è chiesto a gran voce l’intervento tempestivo dello Stato per poter venire incontro a queste problematiche.

Ad un certo punto della conversazione, la giornalista fa una domanda a bruciapelo a Bonaccini: “Il leader della Lega nonché privato cittadino Matteo Salvini potrà tornare al Papeete?“. Dopo un attimo di imbarazzo, il presidente della regione Emilia Romania schiva diplomaticamente la velenosa affermazione dicendo: “Se Salvini tornerà in Emilia Romagna vorrà dire che avrà apprezzato la qualità della nostra offerta turistica”.

La reazione del web dopo la frecciata della Gruber a Salvini

Le reazioni sui social network e sul web non si sono fatte attendere. Molti hanno colto una vena di ironia nelle parole della giornalista mentre altri la hanno attaccata difendendo a spada tratta il leader della lega Matteo Salvini. Alcuni si domandano come mai il pensiero di Lilli Gruber vada sempre verso Salvini anche quando non è strettamente inerente al tema affrontato. Difficile da dire. Certo è che tra i due vi sono dei trascorsi turbolenti e, a quanto pare, Lilli Gruber non è una che dimentica facilmente.