Matteo Salvini contro la Procura: “Convocazione Fontana vergognosa”

0
230
Il Senatore Matteo Salvini ed il governatore della Lombardia Attilio Fontana
Matteo Salvini e Attilio Fontana

Matteo Salvini difende Fontana “Vergognoso che venga convocato in Procura”

La fase 2 in Italia dopo la quarantena da Covid-19 sta creando non pochi problemi. Ad avere la Peggio è la Regione Lombardia, che pur essendo stato il focolaio del contagio, necessita di un decreto riaperture. Durante la sua ospitata a RaiNews 24, Matteo Salvini ha difeso a spada tratta il Governatore della Lombardia Attilio Fontana, convocato per la 37esima volta dalla Procura di Bergamo.

Le parole di Matteo Salvini

Matteo Salvini ha parlato così in studio: “Il decreto riaperture deve essere partorito da Regione Lombardia oggi e riguarda decine di migliaia di aziende e di posti di lavoro: palestre, piscine, centri estivi per i bimbi dai tre ai quindici anni. Da cittadino lombardo preferirei che il mio governatore Fontana fosse in ufficio ad occuparsi di bambini, di famiglie e non andare a ripetere per la trentasettesima volta le stese cose in Procura a Bergamo. E’ vergognoso che venga convocato, potranno chiedergliele con calma dopo”.

Il leader della Lega prosegue dicendo che anche il Presidente del Consiglio ha commesso i suoi “errori” eppure nessuna Procura lo ha convocato. Questo per consentirgli di lavorare per il bene comune. Ecco dunque che bisognerebbe lasciare anche Fontana libero di continuare il suo operato.

Se continuiamo serrati in casa, secondo Salvini, andremo incontro ad una seconda strage, che sarà molto più grave della prima. Ovvero quella economica e quella sociale. E, dal momento che i dati risultano positivi, prima si riparte e meglio sarà per tutti.

Il parere di Salvini sul passaporto sanitario

Alla domanda posta a Salvino circa l’eventualità di un passaporto sanitario, l’ex Ministro degli Interni ha dato una risposta chiara. “E’ giusto che ognuno difenda la salute e la vita della sua popolazione. Però penso che sia importante far capire che l’Italia è un Paese amico, aperto ed ospitale per i turisti innanzi tutto italiani e poi di tutto il mondo, a partire dai prossimi giorni“.

Chi cerca un modo per cautelarsi dunque va più che bene, ed è suo diritto farlo. Sta di fatto che la cosa importante è ritenere l’Italia un Paese ospitale, sicuro, e in ragione di questo, l’estate deve essere vissuta serenamente.

Fateci sapere il vostro parere e, se volete seguirci, cliccate QUI e schiacciate la stellina per rimanere informati su VNL Magazine, app di Google News.