Matteo Salvini: “Lacrime che fanno male agli italiani” [FOTO]

0
61
Bellanova e Fornero lacrime che fanno male
Bellanova e Fornero in lacrime

Matteo Salvini contro l’operato del governo

In queste ore tiene banco il decreto di rilancio del paese che è stato varato proprio ieri dal governo, escludendo tutte le proposte che Matteo Salvini e l’opposizione aveva portato all’attenzione. In un post su Instagram il leader della lega fa il punto della situazione e bacchetta la maggioranza. Migliaia di commenti hanno riempito la pagina di Salvini, dandogli ragione nella maggior parte dei casi.

Il pensiero di Salvini e le promesse mancate della maggioranza

Molti sono i punti su cui Matteo Salvini focalizza la attenzione. A partire dalla infinita burocrazia che affligge il paese alla mancanza di fondi per far fede alle promesse. “Assistenzialismo, burocrazia, statalismo e pochi soldi a pioggia, senza un’idea di sviluppo del Paese e con imprese, Partite Iva, Comuni e produttori da mungere“. Così inizia il post su Instagram che si addentra così nelle dinamiche di riscossione di tributi mai bloccati e annunci di aiuti mai onorati.

Il leader della Lega parla di pazienza finita. E non è solo quella del suo partito a vacillare. Decine di migliaia di persone che, in cassa integrazione da due mesi, non hanno ancora visto un soldo, non sanno più come tirare avanti e non arrivano a fine mese. Piccoli e medi imprenditori che non sanno se riusciranno ad aprire la loro attività.

Strozzati da tasse che già a pieno regime lavorativo erano opprimenti ed adesso, dopo questa emergenza, sono diventate uno scoglio troppo alto da scalare. Negli ultimi giorni alcuni di loro, vedendo il loro piccolo modo crollare, hanno deciso di togliersi la vita, schiacciati da un senso di impotenza che sta colpendo tutti.

Le proposte della lega e le lacrime della ministro

Per cercare di arginare questa piaga che sta iniziando a colpire tutto il paese, Matteo Salvini insieme a tutta l’opposizione ha rilanciato qualche idea per allentare la morsa statale. “Cassa integrazione automatica senza intervento dei sindacati, non debiti ma aiuti a fondo perduto per le imprese, anche grazie alla rottamazione di 8 milioni di cartelle esattoriali, taglio della burocrazia e del Codice degli Appalti, con pace fiscale e pace edilizia, poteri speciali ai Sindaci per appalti e opere pubbliche“.

Questa in sintesi la ricetta che hanno proposto, invano, al governo. Sebbene il leader della Lega si dica pronto a collaborare, rende noto che, nonostante le loro numerose idee, il decreto è stato scritto senza tenere conto della loro voce.

Nel post poi si vede la comparazione di una foto tra il Ministro Bellanova ed Elsa Fornero. Entrambe in lacrime ma, secondo il parere di Matteo Salvini, nessuna delle due piange per il bene degli italiani. Ecco il post del leader della Lega.

View this post on Instagram

Lacrime di governo per i clandestini, non per gli Italiani…,. E poi assistenzialismo, burocrazia, statalismo e pochi soldi a pioggia, senza un’idea di sviluppo del Paese e con imprese, Partite Iva, Comuni e produttori da mungere. Da due mesi gli italiani ascoltano le promesse del governo in diretta sul TG1, con risultati nulli. La pazienza è finita. Cassa integrazione non pagata, 600 euro negati, soldi in banca per commercianti e imprenditori mai visti, poco o niente per le famiglie, silenzio sulla scuola. Le proposte della Lega? Cassa integrazione automatica senza intervento dei sindacati, non debiti ma aiuti a fondo perduto per le imprese, anche grazie alla rottamazione di 8 milioni di cartelle esattoriali, taglio della burocrazia e del Codice degli Appalti, con pace fiscale e pace edilizia, poteri speciali ai Sindaci per appalti e opere pubbliche. Su tutto questo: niente. La nostra volontà di collaborare per risolvere i problemi rimane, ma anche per questo decreto di centinaia di pagine non siamo stati ascoltati o coinvolti. P.S. Le lacrime del ministro Bellanova (Fornero 2) per i poveri immigrati, con tanti saluti ai milioni di italiani disoccupati, non commuovono nessuno.

A post shared by Matteo Salvini (@matteosalviniofficial) on